Come indossare una spilla, secondo me

Come indossare una spilla, secondo me

Saluto questo anno con un collage speciale (e autoreferenziale, ma spero di essere perdonata!): secondo le statistiche, infatti, alcuni dei post del blog più ricercati sono quelli della serie “come indossare una spilla”. Ne ho scritti tre più di un anno e mezzo fa (li potete leggere qui, qui e qui), con varie foto e diverse alternative su come si possa indossare una spilla, quindi ho pensato che poteva essere carino chiudere il 2017 con un post “ispirazione” e mostrare come, in diversi articoli, ho indossato le spille della mia collezione: da Coro a Trifari, dal cappotto ai capelli.. tanti modi per indossare tante spille! La mia collezione intanto cresce e di recente si è arricchita di una Trifari anni ’60 veramente bella che ho ricevuto in regalo. Spero di mostrarvela presto 🙂

Buone Feste, ci rileggiamo nel 2018!

Questa è la bacheca del mio Pinterest dove potete trovare altri modi per indossare le spille, enjoy it! ❤

Lyme Regis, il Cobb e una spilla conchiglia

Lyme Regis, il Cobb e una spilla conchiglia

Ho comprato una spilla vintage a Penzance, mentre camminavo in cerca di regali tra le piccole botteghe di artigianato locale. Mi sono fermata davanti alla vetrina di un negozio attratta dai cuscini pieni di spille e non ho resistito alla tentazione di cercarne una nuova per la mia collezione. Tra le tante, su suggerimento di mio marito, ho scelto una spilla a tema: è una Sarah Coventry a forma di conchiglia, niente di più appropriato non solo per la Cornovaglia ma anche (e soprattutto) per la nostra mèta successiva: Lyme Regis. Il nome di questo piccolo paese del Dorset è probabilmente sconosciuto ai più, ma se dico Jane Austen e nomino uno dei suoi romanzi, “Persuasione”, tra tutti il più malinconico,  l’immaginazione corre subito a Lyme Regis, alla gita della comitiva di Anne Elliot, la protagonista, e alla svolta improvvisa e decisiva che prende la storia dopo la passeggiata sul Cobb.

Mentre ci avvicinavamo in macchina ho letto a Michele il passo tratto dal romanzo e gli ho parlato anche di un’altra storia ambientata a Lyme, quella, vera, di Mary Anning, una paleontologa ante-litteram nota per il ritrovamento di molti fossili di dinosauro. Le vicende di questa donna sono narrate nel romanzo “Strane creature” di Tracy Chevalier. La mia spilla ha la forma di uno dei fossili più diffusi in queste zone, l’ammonite, e arrivando nel paese abbiamo trovato una lunga fila di lampioni in ferro battuto dalla caratteristica forma a conchiglia.

Tra passeggiate sul Cobb e sul lungomare, la cena da “French Lieutenant’s Bistro“* e foto a tutto quello che c’era da fotografare siamo stati sorpresi dal tramonto “in rosa” di questo luogo pieno di magia e di echi letterari.

Prima delle foto di Lyme ecco quelle della spilla, che, come si può immaginare, ho immortalato su “Persuasione”.

Al prossimo post!

DSC_5077

DSC_5122

DSC_5085

DSC_5090

DSC_5086

DSC_5105

DSC_5100

DSC_5173

DSC_5108

DSC_5179

DSC_5177

DSC_5182

DSC_5184

DSC_5186

DSC_5187
DSC_5188

DSC_5193

DSC_5194

DSC_5206

DSC_5218

DSC_5256

DSC_5227

* “La Donna del Tenente Francese” di John Fowles è un altro romanzo ambientato a Lyme Regis.

Le spille di Miss Holloway (Miss Holloway’s brooches)

Le spille di Miss Holloway (Miss Holloway’s brooches)

Una mia abitudine che entra di sicuro nella lista delle “stranezze” è quella di vedere le serie tv quando si sono ormai concluse: così è stato per le prime due stagioni di “Lost“, che poi ho abbandonato e che ho visto nel 2012 (serie conclusa nel 2010), per “Games of Thrones“, cinque stagioni viste in quindici giorni (per questa ho avuto il pieno appoggio di Mik, mio marito, che ha la stessa abitudine) e in questi giorni per “Mad men“, serie felicemente conclusa, dopo sette stagioni, nel 2015. Quindi a ben vedere non sono poi così in ritardo stavolta! Comunque sto vedendo la seconda stagione e ovviamente sono impazzita per le mise degli anni ’60 e per le spille di una delle protagoniste, la sensuale Joan Holloway, interpretata da Christina Hendricks. In quel periodo le spille erano accessori indispensabili nel guardaroba femminile e Joan, office manager dell’agenzia di pubblicità in cui si svolge la serie, ne ha davvero un bel po’ da sfoggiare.

Vi lascio alla gallery dedicata a Miss Holloway, ma prima vorrei ringraziarvi per i messaggi incoraggianti che mi avete lasciato la settimana scorsa, l’ho apprezzato molto.

Al prossimo post!

(EN) My strange habit is to see the TV series ended: I saw the first two seasons of “Lost” in 2012 (series ended in 2010), I saw the five seasons of “Games of Thrones” in fifteen days (for this I had the support of Mik, my husband, who has the same habit) and now I’m seeing “Mad Men”, series ended, after seven seasons, in 2015. So in I am not so late this time! By the way I am seeing the second season and I’m obviously crazy for the clothes of those years and for the brooches of the sensual Joan Holloway, played by Christina Hendricks. At that time the brooches were essential accessories in a woman’s wardrobe and Joan, office manager of advertising agency where the series takes place, has so many brooches to show off. I leave you to the gallery dedicated to Miss Holloway but first I want to thank you for the encouraging messages that you left me last week, I really appreciate it.

To the next post!

Madmencoro
Coro duette (1944)
Madmenkramer
Kramer brooch (1950 ca.)
Madmenmonet
Monet brooch (1980 ca.)
Madmensarahcov
Chateleine brooch, Sarah Coventry (1960 ca.)
Madmentrifari
Trifari brooch (1960 ca.)