Prima che finisca l’autunno, una spilla Monet con i suoi colori

Prima che finisca l’autunno, una spilla Monet con i suoi colori

Mi sono svegliata una mattina e ho trovato l’autunno sulle foglie dei platani che guardo dalla mia finestra: non che non ci fosse anche nei giorni precedenti, ma solo all’improvviso mi sono accorta di quanto siano sempre belli i colori della mia stagione preferita.

“I colori dell’autunno” è una della frase ricorrenti del lessico famigliare, legata a un viaggio a Bruges un novembre di alcuni anni fa: la natura e i suoi colori da foliage ci colpirono così tanto che l’espressione fu ripetuta fino allo sfinimento!

La spilla Monet che avevo comprato per il mio quarantesimo compleanno, arrivata il giorno dopo della festa, è perfetta per celebrare l’autunno che sta per finire: un tripudio di arancio e sfumature del bronzo.

E’ una delle mie spille preferite anche se non riesco a datarla e credo sia piuttosto recente. L’ho fotografata su un libro adorabile che è “Quartet in autumn” di Barbara Pym.

Al prossimo post, vi auguro delle bellissime festività  ❤

Qui vi ho già raccontato delle spille Monet:

La spilla di un pittore (The brooch of a painter)

Un pomeriggio milanese (An Afternoon in Milan)

Le spille di Miss Holloway (Miss Holloway’s brooches)

Le spille di Miss Holloway (Miss Holloway’s brooches)

Una mia abitudine che entra di sicuro nella lista delle “stranezze” è quella di vedere le serie tv quando si sono ormai concluse: così è stato per le prime due stagioni di “Lost“, che poi ho abbandonato e che ho visto nel 2012 (serie conclusa nel 2010), per “Games of Thrones“, cinque stagioni viste in quindici giorni (per questa ho avuto il pieno appoggio di Mik, mio marito, che ha la stessa abitudine) e in questi giorni per “Mad men“, serie felicemente conclusa, dopo sette stagioni, nel 2015. Quindi a ben vedere non sono poi così in ritardo stavolta! Comunque sto vedendo la seconda stagione e ovviamente sono impazzita per le mise degli anni ’60 e per le spille di una delle protagoniste, la sensuale Joan Holloway, interpretata da Christina Hendricks. In quel periodo le spille erano accessori indispensabili nel guardaroba femminile e Joan, office manager dell’agenzia di pubblicità in cui si svolge la serie, ne ha davvero un bel po’ da sfoggiare.

Vi lascio alla gallery dedicata a Miss Holloway, ma prima vorrei ringraziarvi per i messaggi incoraggianti che mi avete lasciato la settimana scorsa, l’ho apprezzato molto.

Al prossimo post!

(EN) My strange habit is to see the TV series ended: I saw the first two seasons of “Lost” in 2012 (series ended in 2010), I saw the five seasons of “Games of Thrones” in fifteen days (for this I had the support of Mik, my husband, who has the same habit) and now I’m seeing “Mad Men”, series ended, after seven seasons, in 2015. So in I am not so late this time! By the way I am seeing the second season and I’m obviously crazy for the clothes of those years and for the brooches of the sensual Joan Holloway, played by Christina Hendricks. At that time the brooches were essential accessories in a woman’s wardrobe and Joan, office manager of advertising agency where the series takes place, has so many brooches to show off. I leave you to the gallery dedicated to Miss Holloway but first I want to thank you for the encouraging messages that you left me last week, I really appreciate it.

To the next post!

Madmencoro
Coro duette (1944)
Madmenkramer
Kramer brooch (1950 ca.)
Madmenmonet
Monet brooch (1980 ca.)
Madmensarahcov
Chateleine brooch, Sarah Coventry (1960 ca.)
Madmentrifari
Trifari brooch (1960 ca.)
La spilla di un pittore (The brooch of a painter)

La spilla di un pittore (The brooch of a painter)

Quando ho sentito parlare per la prima volta di bigiotteria Monet ho pensato a un errore: Monet mi ha sempre fatto pensare ad altri materiali e altri colori, a ninfee e a rivoluzioni pittoriche, ma non certo a spille e orecchini.

Monet è invece (anche) il nome di un marchio prestigioso del bijoux americano; i primi orecchini con chiusura a clip furono proprio creati da questa azienda, fondata nel 1927 a Providence e ancora in attività (ora di proprietà di Liz Clairbone©).

(EN) When I heard for the first time “jewelry Monet” I thought of an error: Monet has always made me think of other materials and other colors, of waterlilies and a pictorial revolution, but certainly not to brooches or earrings. Monet is instead (also) the name of a prestigious American jewelry label; the first earrings with clip closure were just created by this company, founded in 1927 in Providence, and still in business (now owned by Liz Clairbone ©).

Nella mia collezione di spille ci sono due Monet: una l’avete già vista nel post milanese; proprio in quell’occasione mia nipote mi ha dato l’idea di fotografarla su un libro della saga di Harry Potter (per la precisione su “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban), visto che a lei ricorda il boccino d’oro.

(EN) In my brooches’s collection there are two Monet: you’ve already seen one of them in the Milan post; that time my niece gave me the idea to photograph it on a book of the Harry Potter saga (exactly on “Harry Potter and the Prisoner of Azkaban”), considering that it remembers her the “golden snitch”.

Foto delle pubblicità Monet trovate su Pinterest – Ads pics by Pinterest