In Provenza, in tanti luoghi

In Provenza, in tanti luoghi

Sono partita per la Provenza aspettandomi campi viola pieni di lavanda*, mercatini dell’antiquariato in ogni angolo di paese, un clima mite e lunghe passeggiate in bicicletta tra le vigne. Ho trovato ad aspettarmi altri panorami, la canicola, la lavanda solo nei mille negozi di souvenir, tanta luce e tanta gente. Non mi ha deluso scoprire una regione così diversa da come me l’aspettavo e così simile, per alcune cose, alla mia terra d’origine: paesini medievali arroccati, uliveti, fontane nelle piazze, gente seduta all’aria aperta a chiacchierare.

La Provenza, però, ha colori diversi, lunghi filari di viti, un’atmosfera rilassata e grande cura per i dettagli: le persiane dalle mille sfumature pastello, le insegne scritte sulle facciate e quell’aria trasandata ma elegante nota proprio come “stile provenzale”.

Abbiamo visitato molti paesi e alcune città, Aix-en-Provence, Avignone, l’affascinante Arles, siamo partiti da Eze, da cui si guarda il mare, e dopo una settimana eravamo ad Aigues-Mortes, in Linguadoca e nel cuore della Camargue.

Ho collezionato una serie di immagini e mi sono portata dietro tanti ricordi: l’odore dei sacchetti di lavanda, le libellule di Saintes Maries de la Mer, i fiori sulle facciate delle case, il bagno nel Lago di Saint Croix, la passeggiata a Roussillon, dove un piccolo gatto è saltato da una finestra per raggiungere la piazza … la foto, tra tutte, che più mi è piaciuto scattare ❤

* Andando in agosto sapevo che questa era una vaghissima possibilità, ma sognare non costa nulla!

Eze

DSC_9374DSC_9376DSC_9379DSC_9321DSC_9339DSC_9353DSC_9355

Aix-en-Provence

DSC_9416DSC_9423DSC_9475DSC_9508DSC_9405DSC_9399DSC_9501DSC_9444DSC_9450DSC_9453

DSC_9499
Atelier di Paul Cézanne

DSC_9516

Saint-Maximin-la-Sainte-Baume

DSC_9536

Abbazia di Thoronet

DSC_9654DSC_9630

Moustiers-Sainte-Marie

DSC_9611DSC_9619DSC_9598DSC_9586

Fontaine-de-Vaucluse

DSC_9816DSC_9781

Isle-sur-la-Sorgue (patria dei mercatini)

DSC_9738DSC_9759DSC_9770DSC_9765

Roussillon, il paese dell’ocra

DSC_9891DSC_9912DSC_9906DSC_9899

Saintes-Maries-de-la-Mer

DSC_0008DSC_0019DSC_0025

Aigues-Mortes

DSC_0037

DSC_9561DSC_9549DSC_0029DSC_9420DSC_9479DSC_9428DSC_9518DSC_9542DSC_9526DSC_9562DSC_9676DSC_9680DSC_9687DSC_9733DSC_9826DSC_9743DSC_9808DSC_9897DSC_9883DSC_9907DSC_9918DSC_9664

DSC_9827DSC_9774DSC_9669DSC_9717DSC_9461DSC_0023DSC_9463DSC_9651DSC_9317DSC_9633DSC_9370DSC_9391DSC_9704DSC_9490DSC_9382DSC_9554

Informazioni pratiche

Abbiamo alloggiato in due Maison d’hôtes in campagna:

  • L’Abri du poète a Besse sur Issole (molto vicino all’Abbazia di Thoronet)
  • Les Chambres d’Agmara ad Arles (in campagna ma vicinissimo al centro cittadino)

Ristoranti:

  • La Remise: 4 Avenue de la Libération, Besse-sur-Issole
  • Au Brin du Thyme: 22 Rue du Dr Fanton, Arles
  • La Treille: Rue du Four, Roussillon
  • La Table de Martine: 18 Place du Marché, Draguignan
  • L’Auberge Provençale: 11 Rue Patron Ravello, Le Lavandou (gli ultimi tre giorni siamo stati al mare!)