Una nuova Milano

Una nuova Milano

“Era una delle tante giornate grigie di Milano, però senza la pioggia, con quel cielo incomprensibile che non si capiva se fossero nubi o soltanto nebbia al di là della quale il sole, forse” (Dino Buzzati)

E’ stato durante una giornata di fine dicembre grigia e senza pioggia che sono andata alla scoperta della Milano che va verso il futuro (e soprattutto verso l’alto). Da City Life a Porta Nuova, passando per grattacieli e fontane di inizio Novecento, per piazze futuristiche e progetti ancora in corso (la terza torre di City Life è ancora in costruzione).

Da una parte la città che c’era e c’è, dall’altra quella che c’è e ci sarà.

Una Milano diversa da quella che ho sempre cercato, fotografato e scoperto poco a poco, con amore e pazienza, ma non per questo meno affascinante. Forse è meno poetica, ma regala comunque nuovi scorci, nuovi orizzonti e nuove possibilità.

Ci leggiamo presto! ❤

CITY LIFE (Torre Isozaki – Torre Hadid – Residenze Libeskind)

dsc_0838

dsc_0862

dsc_0863

dsc_0864

dsc_0856

dsc_0860

dsc_0841

dsc_0843

dsc_0850

dsc_0844

dsc_0852

dsc_0854

dsc_0869

dsc_0878

dsc_0867

dsc_0858

dsc_0868

dsc_0915

Fontana delle quattro stagioni a Piazza Giulio Cesare

dsc_0888

dsc_0896

dsc_0890

dsc_0902

dsc_0884

dsc_0910

dsc_0903

dsc_0907

dsc_0914

Piazza Gae Aulenti – Torre Unicredit – Torre Diamante – Bosco Verticale 

dsc_0922

dsc_0926

dsc_0923

dsc_0941

dsc_0947

dsc_0952

dsc_0962

dsc_0958

dsc_0944

dsc_0956

dsc_0933

dsc_0971

Fondazione Feltrinelli 

dsc_0980

La Torre Unicredit da Corso Garibaldi

dsc_1026

Qui un articolo sui grattacieli di Milano, quelli che ci sono e quelli che ci saranno 🙂

Su è giù per Lione

Su è giù per Lione

Ho trovato a Lione una città tutta da scoprire, da visitare con calma, passeggiando su e giù per le due colline che ne abbracciano il centro e lungo i due fiumi, la Saône e il Rodano, che la attraversano e che si uniscono verso Sud.

E’ una città ricca di angoli e scorci suggestivi, sia che la si ammiri dall’alto della “collina che prega” (la Collina di Fourvière), sulla cui cima si erge la Basilica di Notre-Dame de Fourvière, sia salendo lentamente sulla “collina che lavora” (la Croix-Rousse), attraversando i suoi traboules, i passaggi segreti di cui la città è piena, passeggiando per la parte vecchia, ammirando le vetrine vintage e colorate dei suoi negozi, alzando gli occhi sui murales e sulle deliziose finestre “incorniciate”.

Lione è la città natale di Antoine de Saint-Exupéry e del suo Piccolo Principe, con la rosa amata nascosta nella borsa in uno dei balconi affrescati del muro dei Lionesi: riuscite a trovarla nelle foto? 😉

Al prossimo post ❤

Abbiamo alloggiato all’Hotel de Paris, carino e in un’ottima posizione nel cuore di Presqu’Ile e vicino a Place des Terreaux.

I ristoranti che abbiamo “provato” a Lione:

  • 18 m2 (Tapas) – 18, Rue de la Monnaie
  • Bel- Ami (Bistrot à vin) – 34, Rue Sergent Blandan
  • La Menthe – 15, Rue Mercière

Le luci di Lione

Le luci di Lione

Volare a Lione nel Ponte dell’Immacolata per il Festival delle Luci? Fatto! Ecco le foto che sono riuscita a scattare di notte con il mio obiettivo 50 mm.

Nel prossimo post vi mostrerò quelle scattate durante le passeggiate che abbiamo fatto su e giù per le due colline e nelle vie del centro. Una città da scoprire, una piacevole sorpresa ❤

E intanto.. buon Anno Nuovo!

Qui il sito ufficiale della festa con tutte le foto delle installazioni e dei giochi di luce che hanno illuminato la città.