A Milano, il Liberty e altri dettagli

A Milano, il Liberty e altri dettagli

Un anno fa, o forse qualcosa in più, durante una di quelle tipiche giornate di Milano, in cui il sole, dietro le nuvole, si può solo immaginare, abbiamo fatto un lungo giro per la città in cerca delle numerose testimonianze del Liberty. Ero senza la macchina fotografica quel giorno e mi ero quindi ripromessa di tornare, rifare il giro, fotografare i dettagli, ammirare di nuovo la bellezza dei palazzi, dei decori, dei disegni.

Questa volta, però, l’imprevisto era dietro l’angolo e mi sono ritrovata davanti alla massima espressione del Liberty milanese, Casa Galimberti, perfettamente “impacchettata” e totalmente coperta per lavori di restauro. Ma questo palazzo, seppur bellissimo, non è l’unico: ce ne sono molti altri, insieme a vetrine e a dettagli da ammirare, con la testa e la macchinetta fotografica perennemente all’insù!

Mi sono goduta il tempo lento del giorno di vacanza seduta in una libreria di Piazza San Simpliciano, così vuota e silenziosa da sembrare quasi irreale. Con un piccola passeggiata sono arrivata al Parco Sempione e all’angolo nascosto che ospita l’Acquario Civico, con le sue ceramiche colorate e i decori in tema, tra pesci, ippopotami, tartarughe e coccodrilli.

Lasciata Casa Guazzoni e i putti che ne reggono i balconi, sono passata davanti a uno dei miei palazzi preferiti, che è interamente ricoperto da una fitta vegetazione molto scenografica (in viale Luigi Majno); mi sono fermata brevemente a Piazza Eleonora Duse, con le sue belle facciate signorili e infine sono arrivata a Casa Campanini e alle due donne che ne sorvegliano l’ingresso: queste due figure sembrano invitare i passanti a fermarsi sotto il loro sguardo sereno, ad alzare gli occhi alle finestre e ai balconi decorati, ad ammirare lo sfarzo e l’estro di un’esperienza, quella del Liberty, che ha abbellito la città e le ha donato originalità e, soprattutto, poesia.

A presto!

DSC_8998
Teatro Fossati, Brera
DSC_9013
Piazza San Simpliciano
DSC_9005
Libreria del Mondo Offeso
DSC_9011
Libreria del mondo offeso
DSC_9050
Via Vincenzo Monti
DSC_9024
Acquario Civico
DSC_9039
Acquario Civico
DSC_9034
Acquario Civico
DSC_9029
Acquario Civico
DSC_9033
Acquario Civico
DSC_9040
Acquario Civico
DSC_9082
Casa Guazzoni
DSC_9085
Casa Guazzoni
DSC_9083
Casa Guazzoni
DSC_9080
Casa Guazzoni
DSC_9078
ex Cinema Dumont

DSC_9071

DSC_9087
Via Majno
DSC_9109
Via Luigi Majno
DSC_9089
Piazza Eleonora Duse
DSC_9101
Via Majno
DSC_9141
Casa Campanini
DSC_9134
Casa Campanini
DSC_9132
Casa Campanini
DSC_9136
Casa Campanini
DSC_9138
Casa Campanini
DSC_9139
Casa Campanini
DSC_9144
Casa Campanini

DSC_9148

Il mio giro del Liberty manca di alcuni elementi importanti, come la Palazzina Liberty e Palazzo Castiglioni, primo esempio di questo stile in città: potete leggere un articolo dettagliato ed esaustivo qui.

Milano nella sua settimana più bella

Milano nella sua settimana più bella

Non faccio mistero della mia passione per Milano: per lei tradisco Roma appena posso e mi godo il suo fascino, la sua vitalità, il suo essere così proiettata verso il futuro. Non pensavo potesse essere più bella di come l’ho sempre vista, ma durante la settimana del Salone del Mobile e del Fuorisalone la città mi ha sorpreso ancora una volta e mi ha conquistato definitivamente.

Milano, i suoi cortili, i giardini segreti, il profumo del glicine che si diffonde per la strada, i panni stesi al sole caldo dei primi giorni di primavera; Milano e i palazzi del centro, le finestre aperte ad accogliere la brezza leggera del pomeriggio; Milano, un grande chiostro a Brera e i tulipani nel cortile di Palazzo Turati; Milano, le sue vie e le sue vetrine eleganti.

Milano, l’inverno è passato e la bella stagione ha inondato le tue strade di sole e dei colori accesi della natura vestita a festa, come te ❤

DSC_7657

DSC_7624

DSC_7620

DSC_7601

DSC_7650

DSC_7640

DSC_7641

DSC_7688

DSC_7814

DSC_7762

DSC_7752

DSC_7634

DSC_7712

DSC_7619

DSC_7664

DSC_7823

DSC_7822

DSC_7685

DSC_7682

DSC_7775

DSC_7716

DSC_7806

DSC_7827

DSC_7718

DSC_7680

DSC_7695

DSC_7746

DSC_7743

DSC_7728

DSC_7840

DSC_7777

DSC_7785

DSC_7787

DSC_7615

DSC_7819

DSC_7799

DSC_7816

DSC_7669

DSC_7859

DSC_7844

DSC_7831

DSC_7833

Di passeggiate e tradizioni da rispettare: Brera, Milano

Di passeggiate e tradizioni da rispettare: Brera, Milano

“Se fotografi uno sconosciuto, nell’istante stesso in cui fai scattare l’otturatore quella persona smette di esserti estranea, perché la porterai sempre con te” (G. Tornatore)

Ho fotografato una sposa a Brera, sotto una vetrina perfetta per il suo giorno più bello, e ho augurato a questa sconosciuta “catturata” per un istante un futuro stupendo, come il negozio sotto cui, per caso, l’ho immortalata.

Brera è un quartiere bellissimo, uno dei primi luoghi di cui mi sono innamorata a Milano, visitandola più di dieci anni fa. Ho una foto di quel viaggio in cui sorrido felice al centro di Via dei Fiori Chiari, poco prima di entrare a visitare la Pinacoteca. Non c’era nessuno in giro per la città quella mattina, pochi bar aperti e un freddo pungente.

In una fredda giornata di sole di fine dicembre, dieci anni dopo, sono di nuovo a passeggio per Milano, come da tradizione di Natale; cammino a lungo nonostante il clima gelido, confortata dal sole quasi accecante che mi impedisce di fare le foto che vorrei: tra tutte quelle che ho scattato salvo poche immagini di facciate di palazzi, di negozi e vetrine vestite a festa, di piazze quasi deserte.

Alla fine ci sono le mie foto: sono infreddolita ma felice della giornata, mi faccio scattare una fotodiprofilo (!), gioco con le colonne nel cortile della Pinacoteca e sul cappotto ho una nuova spilla Trifari ❤

A presto!

DSC_6812

DSC_6775

DSC_6795

DSC_6805

DSC_6809

DSC_6844

DSC_6848

DSC_6859

DSC_6953

DSC_6976

DSC_6959_DxOPsp

DSC_6977

DSC_6979

DSC_6988

DSC_6782

DSC_7004

DSC_7006

DSC_6788

DSC_6857

DSC_6826

DSC_7008

DSC_6870

DSC_6920

DSC_7001

DSC_6855

DSC_6853

Cappotto: Max Mara – Sciarpa: Save The Queen! – Spilla vintage: Trifari