Vacanze romane (II)

Vacanze romane (II)

E’ passato più di un anno dall’ultimo post dedicato a Roma; quando vivi in un luogo troppo a lungo, per quanto bello, per quanto eterno, per quanto unico, arriva a volte il momento in cui quel luogo ti sta stretto e in cui non riesci più a guardarlo con gli occhi innamorati dei primi tempi.

Così è passato un anno e io non ho più passeggiato per Roma con la mia macchina fotografica. Qualche tempo fa, però, in una di quelle giornate che anticipano la primavera che solo Roma sa regalare, quei giorni dal clima mite e dolce, che invitano ai pranzi all’aperto e alle lunghe passeggiate, in uno di quei giorni, dicevo, ho fotografato di nuovo la mia città, camminando da Castel Sant’Angelo, il mio posto del cuore, fino a Trastevere.

Poche foto per un luogo unico, eterno e sempre magico ❤

Una nuova Milano

Una nuova Milano

“Era una delle tante giornate grigie di Milano, però senza la pioggia, con quel cielo incomprensibile che non si capiva se fossero nubi o soltanto nebbia al di là della quale il sole, forse” (Dino Buzzati)

E’ stato durante una giornata di fine dicembre grigia e senza pioggia che sono andata alla scoperta della Milano che va verso il futuro (e soprattutto verso l’alto). Da City Life a Porta Nuova, passando per grattacieli e fontane di inizio Novecento, per piazze futuristiche e progetti ancora in corso (la terza torre di City Life è ancora in costruzione).

Da una parte la città che c’era e c’è, dall’altra quella che c’è e ci sarà.

Una Milano diversa da quella che ho sempre cercato, fotografato e scoperto poco a poco, con amore e pazienza, ma non per questo meno affascinante. Forse è meno poetica, ma regala comunque nuovi scorci, nuovi orizzonti e nuove possibilità.

Ci leggiamo presto! ❤

CITY LIFE (Torre Isozaki – Torre Hadid – Residenze Libeskind)

dsc_0838

dsc_0862

dsc_0863

dsc_0864

dsc_0856

dsc_0860

dsc_0841

dsc_0843

dsc_0850

dsc_0844

dsc_0852

dsc_0854

dsc_0869

dsc_0878

dsc_0867

dsc_0858

dsc_0868

dsc_0915

Fontana delle quattro stagioni a Piazza Giulio Cesare

dsc_0888

dsc_0896

dsc_0890

dsc_0902

dsc_0884

dsc_0910

dsc_0903

dsc_0907

dsc_0914

Piazza Gae Aulenti – Torre Unicredit – Torre Diamante – Bosco Verticale 

dsc_0922

dsc_0926

dsc_0923

dsc_0941

dsc_0947

dsc_0952

dsc_0962

dsc_0958

dsc_0944

dsc_0956

dsc_0933

dsc_0971

Fondazione Feltrinelli 

dsc_0980

La Torre Unicredit da Corso Garibaldi

dsc_1026

Qui un articolo sui grattacieli di Milano, quelli che ci sono e quelli che ci saranno 🙂

Su è giù per Lione

Su è giù per Lione

Ho trovato a Lione una città tutta da scoprire, da visitare con calma, passeggiando su e giù per le due colline che ne abbracciano il centro e lungo i due fiumi, la Saône e il Rodano, che la attraversano e che si uniscono verso Sud.

E’ una città ricca di angoli e scorci suggestivi, sia che la si ammiri dall’alto della “collina che prega” (la Collina di Fourvière), sulla cui cima si erge la Basilica di Notre-Dame de Fourvière, sia salendo lentamente sulla “collina che lavora” (la Croix-Rousse), attraversando i suoi traboules, i passaggi segreti di cui la città è piena, passeggiando per la parte vecchia, ammirando le vetrine vintage e colorate dei suoi negozi, alzando gli occhi sui murales e sulle deliziose finestre “incorniciate”.

Lione è la città natale di Antoine de Saint-Exupéry e del suo Piccolo Principe, con la rosa amata nascosta nella borsa in uno dei balconi affrescati del muro dei Lionesi: riuscite a trovarla nelle foto? 😉

Al prossimo post ❤

Abbiamo alloggiato all’Hotel de Paris, carino e in un’ottima posizione nel cuore di Presqu’Ile e vicino a Place des Terreaux.

I ristoranti che abbiamo “provato” a Lione:

  • 18 m2 (Tapas) – 18, Rue de la Monnaie
  • Bel- Ami (Bistrot à vin) – 34, Rue Sergent Blandan
  • La Menthe – 15, Rue Mercière