Milano nella sua settimana più bella

Milano nella sua settimana più bella

Non faccio mistero della mia passione per Milano: per lei tradisco Roma appena posso e mi godo il suo fascino, la sua vitalità, il suo essere così proiettata verso il futuro. Non pensavo potesse essere più bella di come l’ho sempre vista, ma durante la settimana del Salone del Mobile e del Fuorisalone la città mi ha sorpreso ancora una volta e mi ha conquistato definitivamente.

Milano, i suoi cortili, i giardini segreti, il profumo del glicine che si diffonde per la strada, i panni stesi al sole caldo dei primi giorni di primavera; Milano e i palazzi del centro, le finestre aperte ad accogliere la brezza leggera del pomeriggio; Milano, un grande chiostro a Brera e i tulipani nel cortile di Palazzo Turati; Milano, le sue vie e le sue vetrine eleganti.

Milano, l’inverno è passato e la bella stagione ha inondato le tue strade di sole e dei colori accesi della natura vestita a festa, come te ❤

DSC_7657

DSC_7624

DSC_7620

DSC_7601

DSC_7650

DSC_7640

DSC_7641

DSC_7688

DSC_7814

DSC_7762

DSC_7752

DSC_7634

DSC_7712

DSC_7619

DSC_7664

DSC_7823

DSC_7822

DSC_7685

DSC_7682

DSC_7775

DSC_7716

DSC_7806

DSC_7827

DSC_7718

DSC_7680

DSC_7695

DSC_7746

DSC_7743

DSC_7728

DSC_7840

DSC_7777

DSC_7785

DSC_7787

DSC_7615

DSC_7819

DSC_7799

DSC_7816

DSC_7669

DSC_7859

DSC_7844

DSC_7831

DSC_7833

Roma, non basta una vita

Roma, non basta una vita

Dopo giorni di pioggia e di incertezza una Pasqua assolata ci ha regalato un pomeriggio all’aperto, passeggiando per quella Roma che non finisce mai di stupirci.

La città è una scoperta continua: è una piccola piazza che si apre improvvisamente dove non te l’aspetti, un lungo viale alberato su facciate di palazzi degli inizi del secolo scorso, è uno dei tanti piccoli musei pieni di bellezza ma dimenticati in ragione dei grandi, è il tramonto che trae riflessi dalla facciata dorata di San Paolo fuori dalle Mura.

Questa Basilica, per la sua posizione decentrata, è un’oasi di pace; la sua magnificenza mi ha lasciato senza parole e il suo Chiostro solitario mi ha conquistato come sempre mi succede in questi luoghi: c’eravamo solo noi ad ammirare le colonne decorate, tutte diverse, a scattarci foto e a cogliere i raggi di sole del pomeriggio sulle piccole tessere dei suoi mosaici.

Dalla Basilica siamo arrivati all’EUR, uno di quartieri più dimenticati dal turismo in città: il suo “Colosseo quadrato”, ovvero il Palazzo della Civiltà italiana, regala scorci molto suggestivi al tramonto, ma in primavera è bello anche passeggiare sotto i sakura in fiore sulle sponde del Laghetto: non sarà la passeggiata dei filosofi di Kyoto ma ha comunque il suo fascino.

Sullo sfondo la cupola bianca della Basilica dei Santi Pietro e Paolo abbraccia idealmente questa Roma più nascosta e dall’alto della sua scenografica scalinata domina, pacifica, la città che lentamente se ne va verso il mare ❤

DSC_7419 (1)

DSC_7519 (1)

DSC_7584

Il titolo del post è un libro di Silvio Negro, edito da Neri Pozza, che racconta di Roma e della sua grande bellezza: l’espressione fu coniata da Dino Buzzati, amico dell’autore.

Gli altri post dedicati alla fioritura dei ciliegi sono qui e qui