Roma, non basta una vita

Roma, non basta una vita

Dopo giorni di pioggia e di incertezza una Pasqua assolata ci ha regalato un pomeriggio all’aperto, passeggiando per quella Roma che non finisce mai di stupirci.

La città è una scoperta continua: è una piccola piazza che si apre improvvisamente dove non te l’aspetti, un lungo viale alberato su facciate di palazzi degli inizi del secolo scorso, è uno dei tanti piccoli musei pieni di bellezza ma dimenticati in ragione dei grandi, è il tramonto che trae riflessi dalla facciata dorata di San Paolo fuori dalle Mura.

Questa Basilica, per la sua posizione decentrata, è un’oasi di pace; la sua magnificenza mi ha lasciato senza parole e il suo Chiostro solitario mi ha conquistato come sempre mi succede in questi luoghi: c’eravamo solo noi ad ammirare le colonne decorate, tutte diverse, a scattarci foto e a cogliere i raggi di sole del pomeriggio sulle piccole tessere dei suoi mosaici.

Dalla Basilica siamo arrivati all’EUR, uno di quartieri più dimenticati dal turismo in città: il suo “Colosseo quadrato”, ovvero il Palazzo della Civiltà italiana, regala scorci molto suggestivi al tramonto, ma in primavera è bello anche passeggiare sotto i sakura in fiore sulle sponde del Laghetto: non sarà la passeggiata dei filosofi di Kyoto ma ha comunque il suo fascino.

Sullo sfondo la cupola bianca della Basilica dei Santi Pietro e Paolo abbraccia idealmente questa Roma più nascosta e dall’alto della sua scenografica scalinata domina, pacifica, la città che lentamente se ne va verso il mare ❤

DSC_7419 (1)

DSC_7519 (1)

DSC_7584

Il titolo del post è un libro di Silvio Negro, edito da Neri Pozza, che racconta di Roma e della sua grande bellezza: l’espressione fu coniata da Dino Buzzati, amico dell’autore.

Gli altri post dedicati alla fioritura dei ciliegi sono qui e qui

6 pensieri su “Roma, non basta una vita

  1. Questa è una Roma che conosco meno e che sento meno mia, ma che mi ha sempre affascinato. Unisce geometrie, linee, spazi ampi e aperti, modernità, verde, contrasti e seduzione visiva… l’ho pensato – cioè me ne sono ricordata – proprio quando sono stata al laghetto per la fioritura, grazie alla tua dritta! Mi guardavo intorno e la poesia vicina a cemento, forme rotondeggianti e arcate mi sembrava un dettaglio un po’ surreale e interessante!
    Non basta una vita, il titolo (anche del libro) rende… ed è bello così, infinite scoperte o riscoperte, colpi di fulmine improvvisi, sorprese ad ogni angolo che non sfuggono ad occhi vigili e svegli! E curiosi… 🙂

    Mi piace

    1. Francesca anche io sento più mia la Roma del centro, dei vicoli, del Tevere e di tutte quelle piazze che conosciamo bene; questa zona più defilata, più lontana è molto interessante, ci sono tante cose da scoprire! Magari la prossima volta una passeggiata a Garbatella, al Cimitero Protestante o alla splendida Centrale Montemartini la facciamo insieme, che dici? ❤

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...