Cartoline da Palermo

Cartoline da Palermo

Ho rimandato di mesi la pubblicazione delle foto di Palermo, dove siamo stati a maggio, abbandonando a se stesso il mio povero blog. Così oggi mi ritrovo a scrivere un post senza più aver vivo il ricordo delle sensazioni suscitate dalla città siciliana, dove sono tornata dopo molti anni.

Ho quindi raccolto le foto, le ho divise “per argomento” e le pubblico senza altre presentazioni.

A presto (spero) ❤

PS. Non ci sono foto della Cappella Palatina, nel Palazzo dei Normanni: non erano consentite ed è stato meglio così, perché certe meraviglie vanno viste dal vivo!

Le chiese e i Santi (e il cielo di Maggio, senza filtri)

DSC_1704DSC_1387DSC_1672DSC_1594DSC_1582DSC_1461DSC_1462DSC_1390DSC_1394DSC_1445

Il Chiostro del Duomo di Monreale

DSC_1654DSC_1652

Porta Nuova

DSC_1667DSC_1670

Piazza Pretoria, o della vergogna

DSC_1581DSC_1452DSC_1441DSC_1454

Per le strade

DSC_1485DSC_1486DSC_1414DSC_1391DSC_1428DSC_1471DSC_1698DSC_1570DSC_1568DSC_1566DSC_1381DSC_1705

I particolari

DSC_1379DSC_1392DSC_1416DSC_1425DSC_1569DSC_1576DSC_1501DSC_1603DSC_1604

Santa Maria dello Spasimo (Kalsa)

DSC_1516DSC_1517

I mercati

DSC_1595DSC_1714DSC_1613

A Mondello

DSC_1673DSC_1675DSC_1679DSC_1680DSC_1683DSC_1691DSC_1695

Ciao Palermo bella!

DSC_1607

Abbiamo alloggiato al B&B L’Olivella, centrale e molto bello, una grande casa tradizionale, con un’ottima colazione.

Abbiamo mangiato qua:

  • Aja Mola – Via Cassari, 19
  • Balata – Via Roma, 218
  • Bisso Bistrot – Via Maqueda 172 A

Street food:

  • Passami ù cuoppo – Via Roma, 195
  • Antica Focacceria San Francesco – Via Alessandro Paternostro, 71

Menzione d’onore alla pasticceria I segreti del Chiostro, che si trova dentro la Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria (una delle chiese di Piazza Bellini): il cannolo preparato al momento, mangiato con vista sul Chiostro del Convento, è una delle cose più belle della nostra vacanza 😉

“Boldini e la moda”, a Ferrara

“Boldini e la moda”, a Ferrara

Avrei dovuto scrivere questo post almeno due mesi fa, quando la bella mostra dedicata a Giovanni Boldini, nella sua Ferrara, era ancora in corso.. arrivo un po’ tardi, perché l’esposizione si è chiusa qualche giorno fa; gli ultimi mesi sono stati piuttosto impegnativi e non sono riuscita a dedicare al blog il tempo che avrei voluto.

Ricomincio quindi da queste foto, scattate a fine aprile a Ferrara dove, al Palazzo dei Diamanti, è stata allestita una mostra dedicata a Boldini, il famoso pittore ritrattista nativo della città, al quale avevo già dedicato un post (che è l’articolo più letto del blog!)

Il percorso espositivo è stato organizzato alternando le opere e i magnifici ritratti dell’artista con abiti e accessori di moda, cappelli (un’intera vetrina!), corsetti, scarpe, ma anche libri e riviste dell’epoca. Un’unione dosata con cura e particolarmente riuscita, a mio parere, per mostrare l’eleganza, l’attenzione al dettaglio e la maestria dei sarti e degli artigiani, creatori di quei dettagli che Boldini non trascurava mai nelle sue opere.

E’ un tripudio di cinture colorate, spille, lunghe collane, fiori sul décolleté, nastri, ventagli.. il mondo frivolo, spensierato e ricco, committente di Giovanni Boldini.

“La frivolezza di un’epoca, quando le sono passati sopra dieci secoli, è degna della più seria erudizione” (Marcel Proust)

DSC_1268

Madame Charles Max, 1896

Fuoco d’artificio, 1892-95

Gladys Deacon, 1916

Lina Bilitis con due pechinesi, 1913

Gertrude Elizabeth, nata Blood, Lady Colin Campbell, 1894 – Miss Bell, 1903 – La signora in rosa (Oliva Concha de Fontesilla, 1916)

Signora in bianco, 1902

Ida Rubinstein (Antonio de La Gandara, 1913) – L’attrice Alice Regnault, 1880-84

Vacanze romane (II)

Vacanze romane (II)

E’ passato più di un anno dall’ultimo post dedicato a Roma; quando vivi in un luogo troppo a lungo, per quanto bello, per quanto eterno, per quanto unico, arriva a volte il momento in cui quel luogo ti sta stretto e in cui non riesci più a guardarlo con gli occhi innamorati dei primi tempi.

Così è passato un anno e io non ho più passeggiato per Roma con la mia macchina fotografica. Qualche tempo fa, però, in una di quelle giornate che anticipano la primavera che solo Roma sa regalare, quei giorni dal clima mite e dolce, che invitano ai pranzi all’aperto e alle lunghe passeggiate, in uno di quei giorni, dicevo, ho fotografato di nuovo la mia città, camminando da Castel Sant’Angelo, il mio posto del cuore, fino a Trastevere.

Poche foto per un luogo unico, eterno e sempre magico ❤